Widgetized Section

Go to Admin » Appearance » Widgets » and move Gabfire Widget: Social into that MastheadOverlay zone

SITO IN COSTRUZIONE

OLIMPIADI ROMA 2024: la kermesse e gli interrogativi sulla collocazione del villaggio olimpico

confronto Espresso cartaceo sito 13 febbraio 2016

confronto articolo l’ Espresso cartaceo e on line (in primo piano)

Oggi 17 febbraio è stato  presentato il primo dei dossier richiesti dal Cio, con una kermesse di tre ore, 1.000 invitati e diretta tv al Palazzo dei Congressi dell’Eur. Qualche giorno fa, in un una lettera  al settimanale  L’Espresso  (in edicola), l’ex Sindaco Ignazio Marino aveva denunciato  un  «patto tra Malagò, Montezemolo e Renzi contro il bene di Roma» affermando   che “la sede del Villaggio Olimpico,  è stata scelta senza ascoltare i cittadini né il Comune. Che aveva proposto un piano utile al futuro della città. Ma hanno prevalso altri interessi“(1). Nella lettera non  viene chiarito  a quali “interessi che hanno prevalso” Marino si riferisca, anche se, nel sommario della versione on line, il settimanale ha inserito un inciso -  “dove è coinvolto Caltagirone” – che non è stato riportato nella versione cartacea. E ci auguriamo che al più presto, lasciando da parte lustrini e retorica sportiva un tanto al chilo,   qualche inchiesta giornalistica faccia finalmente chiarezza sui tanti interrogativi che a questo punto ci poniamo (in calce la registrazione audio dell’intervento di Giovanni Malagò sulla scelta del Villaggio Olimpico a Tor Vergata nel corso della kermesse del 17 febbraio 2016)

Dopo il collasso greco, addebitabile in buona parte alle Olimpiadi di Atene del 2004 (2) e  i   disastri economici di cui sono state vittime tante città ospitanti (3), persino il CIO (Comitato Internazionale Olimpico) ha messo dei paletti agli investimenti straordinari in strutture  e infrastrutture non necessarie, sottolineando, nelle sue linee guida, che saranno privilegiati i progetti “sostenibili”.  Quelli che prevedono impianti sportivi esistenti o temporanei, e poco cemento. Il vero business resta quindi quello della costruzione del villaggio olimpico, migliaia di appartamenti (17.000 posti letto) che, dopo il mese delle olimpiadi e quello delle paralimpiadi, saranno riconvertiti in immobili.  Per usi sociali o destinati al  mercato  (o entrambi). Per questo, nella valutazione della sua localizzazione,  non possono essere considerate solo le esigenze olimpiche,  ma devono essere attentamente analizzate le ricadute,  economiche e   funzionali, per i privati e per la collettività.

La prima traccia della costruzione di un Villaggio Olimpico a Tor Vergata risale addirittura al progetto delle   Olimpiadi del 2004 del Sindaco Rutelli ( Roma sarà poi  superata da Atene): echi di polemiche sulla collocazione del villaggio per gli atleti in quell’area sono ancora rintracciabili sul web ( Repubblica: MA SUL VILLAGGIO ATLETI E’ GIA’ FEBBRE D’ APPALTI (4).
Tor Vergata è poi il luogo scelto dal Sindaco Walter Veltroni e dal suo assessore Morassut  (5) per il progetto  della Città dello sport, dove a oggi sono rimaste incompiute le cosiddette “vele di Calatrava”, lo stadio del nuoto
. Da Wikipedia:Il costo previsto per la realizzazione è di 60 milioni di euro, che diventano 120 milioni già all’atto dell’assegnazione dei lavori tramite gara d’appalto, vinta dalla Vianini Lavori del gruppo Caltagirone; la gestione dei fondi è  affidata alla Protezione Civile di Guido Bertolaso, che chiama Angelo Balducci per la gestione dei capitali. Tra il 2006 e il 2007, pur non avanzando i lavori, i costi di costruzione raddoppiano,  240 milioni di euro. Alla fine  i mondiali di nuoto non si disputano a Tor Vergata – la struttura non sarebbe stata  completata in tempo – ma al Foro Italico.  Le Vele restano incomplete e inutilizzabili, la  cifra stimata per il completamento lavori è di 660 milioni di euro, 11 volte il prezzo iniziale (6).

L’avventura olimpica del Sindaco Alemanno (Roma 2020) stoppata dal governo Monti,  prevede invece un villaggio Olimpico sul Tevere, a Tor di Quinto. Torna in auge la collocazione del Villaggio a Tor Vergata per Roma 2024, sponsorizzata  dal Comitato olimpico Roma 2024 di Montezemolo e Malagò, che non condividono l’ipotesi su cui lavorano  il  Sindaco Marino e l’Assessore all’Urbanistica Giovanni Caudo, che vogliono invece realizzarlo nell’area tra la Salaria e la Flaminia, tra il raccordo anulare e la via Olimpica, con un’operazione di rigenerazione urbana su  parte dell’ areoporto dell’urbe, riqualificando un ex deposito ATAC, un depuratore e un impianto rifiuti. Tutte  strutture che, dopo le Olimpiadi,  dovrebbero  diventare   la  nuova città giudiziaria, insieme a un grande parco fluviale da restituire alla cittadinanza.

Lo scontro avviene nella riunione dell’11 settembre 2015, alla vigilia della presentazione ufficiale della candidatura di Roma. Alla fine escono due comunicati apparentemente uguali ma che, riletti oggi, non risolvono le divergenze  sul villaggio olimpico: sul sito del   CONI si afferma che è stata “verificata la possibilità di collocare il villaggio olimpico nell’area di Tor Vergata dove saranno realizzati nuovi impianti sportivi e completate le strutture esistenti, sul sito del Comune invece si parla  dell’area di Tor Vergata solo per “costruire i nuovi impianti sportivi  e completare le strutture già esistenti [le Vele incompiute di Calatrava dei Mondiali di nuoto], mentre per i ” progetti di trasformazione urbana da mettere in campo per l’appuntamento olimpico” si dice che si intende   “partire dalla nascita di un parco fluviale del Tevere a nord di Roma ” senza specificare ulteriormente il luogo della realizzazione del Villaggio Olimpico (7).   Il quotidiano Il Messaggero dà per scontata la localizzazione del Villaggio Olimpico a Tor Vergata,  pubblicando addirittura   un rendering (vedi sotto) e riferendo che nel corso della riunione è stata sconfitta l’ipotesi del  Comune e dell’Assessore Caudo, nella  zona Roma Nord, a favore della  localizzazione tra il VI e il VII Municipio in parte sull’area dell’Università , sponsorizzata da Montezemolo e Malagò, in quanto  risponderebbe  maggiormente alle caratteristiche necessarie per ottenere la vittoria (8). Motivazione ribadita dallo stesso Malagò nel corso della presentazione del 17 febbraio.

Il rendering del progetto di Tor Vergata pubblicato da Il Messaggero del 12 settembre 2015

Il rendering del progetto di Tor Vergata pubblicato da Il Messaggero del 12 settembre 2015

Oggi  Marino dice, nella lettera all’Espresso,  che il progetto del Comune non era stato affatto archiviato e che,  una volta finalizzato, sarebbe stato sottoposto  con  un referendum al giudizio dei cittadini. In verità, quest’intenzione  non ci risulta sia mai stata annunciata prima, e appare alquanto tardiva, considerando che nonostante varie sollecitazioni – comprese quelle  di Carteinregola – la candidatura Roma 2024 è stata votata in Campidoglio dall’Assemblea  senza alcun coinvolgimento della cittadinanza, nè rispetto alla candidatura, nè rispetto agli eventuali progetti, mai portati a conoscenza  dei cittadini. Tuttavia ci sembra che a questo punto diventa  importante  che siano  approfonditi  e resi   trasparenti tutti gli aspetti che riguardano la realizzazione del Villaggio olimpico a Tor Vergata: quanti appartamenti realizzati per gli atleti diventeranno alloggi  per studenti universitari, quanti ampliamento della struttura  ospedaliera e quanti cubature residenziali da immettere sul mercato? Di chi è la proprietà dei terreni? Per la realizzazione del villaggio saranno effettuate delle gare d’appalto o il  gruppo Vianini (Caltagirone) ha qualche sorta di prelazione? Il completamento  della Vela che dovrebbe diventare palazzetto dello sport  da chi sarà finanziato e da chi sarà realizzato? Cosa ne sarà dell’altra Vela? A spese di chi? Come si inserisce nel piano della mobilità degli atleti, un  villaggio olimpico in un quadrante assai distante dagli impianti sportivi a Roma Nord (Foro italico) e Roma Sud/est (Nuova Fiera di Roma)?

Infine: possibile che, per una volta, dopo tutti i guasti che questo genere di eventi ha lasciato nella città, e dopo tutti i problemi della città che aspettano da decenni di essere affrontati e  risolti,  si continuino a calare dall’alto decisioni strategiche fondamentali, che in altri paesi civili vengono preventivamente sottoposte al giudizio dei cittadini? E lo diciamo chiaramente:  non si può desumere  da  un sondaggio il  gradimento della candidatura romana ai giochi olimpici, perchè  non può che basarsi   su risposte estemporanee e emotive dettate dalla generica fascinazione che lo sport esercita sui più. Un  giudizio vero si raccoglie con un referendum, in cui i cittadini possano esprimersi  dopo essersi fatti un’opinione informata, che tiene conto anche delle ragioni contrarie. Che sono molte.

Anna Maria Bianchi Missaglia

Per repliche e osservazioni: Laboratoriocarteinregola@gmail.com

Leggi l’articolo del 18 febbraio 2016 Il fatto quotidiano: Olimpiadi Roma 2024, altro che low cost: stesso budget del progetto bocciato da Monti. Perotti (Bocconi): “Una furbata”

scarica Valutazione Economica Roma 2024 olimpiadi

POST SCRPTUM: Il 2 febbraio scorso  La Camera dei deputati ha bocciato  con 288 voti contrari e 114 favorevoli la mozione presentata dal deputato e candidato sindaco di Roma di Si-Sel, Stefano Fassina, per chiedere un referendum consultivo in merito alla candidatura di Roma alle Olimpiadi del 2024. Approvata  invece con 269 favorevoli e 113 contrari quella del dem (e candidato alle primarie per il sindaco di Roma) Roberto Morassut  (approvate anche altre analoghe mozioni, come quella a firma Valentina Vezzali di Scelta civica), che  chiedeva  di “sottoporre gli interventi per i Giochi olimpici a Roma ad un’ampia campagna di consultazione e partecipazione dei cittadini dei territori interessati per una candidatura aperta e trasparente”: una  mozione quanto meno  generica, che di fatto propone  quanto già avviato da mesi dal comitato promotore olimpico, che da tempo  incontra scuole,  associazioni e comitati di quartiere. Troppo generica per non sembrare il solito appello alla partecipazione dei cittadini, che arriva sempre quando i buoi sono scappati e le decisioni già prese da un pezzo…(anche l’altro canddato PD alle primarie,  Roberto Giachetti, nella sua dichiarazione di voto a Montecitorio  si è espresso  a favore della mozione  del suo competitor nella Capitale). (AMBM)

ascolta la registrazione audio dell’intervento del Presidente

  VAI A ROMA 2024  CRONOLOGIA E I MATERIALI

 > Vai al sito referendumroma2024  

scarica il dossier dei radicali  DossierOlimpiadi_NEW

(1)L‘espresso 11 febbraio 2016 Ignazio Marino: «Quel patto tra Malagò, Montezemolo e Renzi contro il bene di Roma»L’ex sindaco scrive a l’Espresso: la sede del Villaggio Olimpico, dove è coinvolto Caltagirone, è stata scelta senza ascoltare i cittadini né il Comune. Che aveva proposto un piano utile al futuro della città. Ma hanno prevalso altri interessi di R.I.

gli extracosti delle olimpiadi ( grafica da La Repubblica 3 novembre 2015)

gli extracosti delle olimpiadi ( grafica da La Repubblica 3 novembre 2015)

(6) Sintesi da wikipedia

(7)

sito del CONI Roma 2024, ufficializzata la candidatura olimpica  comunicato CONI-COMUNE

Nell’incontro che si è tenuto oggi in Campidoglio al quale hanno partecipato il Sindaco di Roma Ignazio Marino, il presidente del CONI, Giovanni Malagò, il presidente del Comitato promotore delle Olimpiadi Roma 2024 Luca Montezemolo, il presidente del Comitato paralimpico Luca Pancalli, l’assessore all’Urbanistica Giovanni Caudo e Claudia Bugno, direttore generale del Comitato olimpico Roma 2024, si è ufficializzata la candidatura di Roma per i Giochi Olimpici e Paralimpici 2024.

Nel corso dell’incontro è stata da tutti condivisa l’esigenza di individuare le priorità e la caratteristiche dell’organizzazione dell’evento sportivo cogliendo al meglio la straordinaria opportunità di sviluppo e di miglioramento per la città.

E’ stata, nell’occasione, verificata la possibilità di collocare il villaggio olimpico nell’area di Tor Vergata dove saranno realizzati nuovi impianti sportivi e completate le strutture esistenti. Un intervento che richiederà un progetto di collegamento con metropolitana tra l’area e il resto della città. Le Olimpiadi devono essere l’occasione per dare vita a una nuova visione della città, radicata nella storia e nella rigenerazione dell’esistente, con progetti di trasformazione urbana a partire dalla nascita di un parco fluviale del Tevere a nord di Roma che diventerà la porta di accesso alla Roma olimpica a disposizione di tutta la città.

SITO DEL COMUNE: Roma 2024, ufficializzata candidatura olimpica. “In bocca al lupo” dal Presidente della Repubblica

Roma, 12 settembre – La candidatura di Roma alle Olimpiadi del 2024 è ufficiale. E’ stata firmata in Campidoglio la lettera indirizzata al Cio (Comitato Olimpico Internazionale) con la quale Roma si candida ad ospitare i Giochi del 2024.
All’incontro hanno partecipato il sindaco Ignazio Marino, il presidente del Coni Giovanni Malagò, il presidente del Comitato promotore delle Olimpiadi Roma 2024 Luca Montezemolo, il presidente del Comitato paralimpico Luca Pancalli, l’assessore all’Urbanistica Giovanni Caudo e Claudia Bugno, direttore generale del Comitato olimpico Roma 2024. Condivisa da tutti i presenti l’esigenza di individuare le priorità e le caratteristiche dell’organizzazione in modo tale che l’evento sportivo si trasformi in una reale opportunità di sviluppo e di miglioramento per la città. Nel corso dell’incontro l’assessore Caudo ha illustrato uno studio di approfondimento sul villaggio olimpico e sulle strutture necessarie. Innanzitutto si è verificata la possibilità di utilizzare l’area di Tor Vergata per costruire i nuovi impianti sportivi e completare le strutture già esistenti: un intervento, questo, che richiede un progetto di collegamento con metropolitana tra l’area e il resto della città. I progetti di trasformazione urbana da mettere in campo per l’appuntamento olimpico – a partire dalla nascita di un parco fluviale del Tevere a nord di Roma – devono essere l’occasione per proporre una nuova visione della città, radicata nella storia e nella rigenerazione dell’esistente.Intanto il sindaco Marino fa saper d’aver chiamato “il Presidente della Repubblica Sergio Mattarella per informarlo personalmente” dell’avvenuta formalizzazione della candidatura. “Il Presidente della Repubblica”, riferisce Marino, “ha accolto con gioia la notizia e ha espresso il suo sincero in bocca al lupo affinché Roma e l’Italia possano riportare nel nostro Paese il più importante evento sportivo al mondo; un evento che può rappresentare anche un’occasione straordinaria di crescita economica e occupazionale”.11 SET 2015 – PR

(8) Il messaggero 11 settembre 2015 Roma 2024, ufficiale la candidatura e il Villaggio si farà a Tor Vergata Domani c’è il Mennea Day

messaggero olimpiadi 12 9 2015

messaggero 12 settembre 2015

 

Vedi anche

Olimpiadi Roma 2024: un milione di metricubi da scavare lungo la pianura fluviale del Tevere?

Olimpiadi Roma 2024: un milione di metricubi da scavare lungo la pianura fluviale del Tevere?Pubblichiamo un articolo di Maurizio Geusa che si chiede giustamente, date le misure di un  bacino da canottaggio  fissate dai regolamenti internazionali, se sia proprio necessario scavare un lago artificiale…

Olimpiadi Roma2024: i radicali lanciano il referendum con un dossier

Olimpiadi Roma2024: i radicali lanciano il referendum con un dossierContro la candidatura olimpica della Capitale Carteinregola aveva lanciato un appello nel giugno scorso (1), sottoscritto da urbanisti, intellettuali, semplici cittadini. Oggi Radicali italiani lanciano una petizione per chiedere  che,…

Prosegue inesorabile il treno delle Olimpiadi Roma2024

Prosegue inesorabile il treno delle  Olimpiadi Roma2024(in calce l’articolo di Maurizio Geusa: Il treno delle Olimpiadi Roma2024 dove pensa di andare ?) Pochi giorni fa anche la città di   Amburgo si è sfilata dalla rosa…

ROMA 2024, wikispesa ha fatto i conti…

ROMA 2024, wikispesa ha fatto i conti…Pubblichiamo la documentata pagina di wikispesa dedicata ai costi/benefici di Roma 2024 con un nostro aggiornamento:  dopo Boston (USA), che ha scelto di non avanzare  più la candidatura in seguito …

Olimpiadi Roma 2024, senza confronto con la città e senza trasparenza

E’ stata ufficialmente presentata l’11 settembre la candidatura della Capitale alle Olimpiadi e alle Paralimpiadi  del 2024,  con  l’invio della lettera al CIO (Comitato  Internazionale Olimpico).  E  qualcuno  sta già…

Roma Capitale News

Roma Capitale News10 settembre Giubileo, protocollo Marino-Cantone su regole appalti. Al lavoro task force controllo cantieri Regole blindate per i lavori del Giubileo. Sono le linee guida contenute nel protocollo firmato nella…

Roma 2024: approvata la mozione sulla candidatura.

Noi andiamo avanti. Continueremo a raccogliere le firme per il nostro appello che invieremo al  CIO (Comitato Olimpico Internazionale) con la richiesta di non scegliere Roma per i giochi olimpici…

Candidatura Olimpica: ottimismo o incoscienza?

Giovedì 25 giugno: è stata approvata in Aula Capitolina  la “Mozione  sulla candidatura dì Roma ai XXXIII Giochi Olimpici e ai XVII Giochi Paralimpici del 2024″ con 39 voti favorevoli,…

Roma non deve candidarsi alle Olimpiadi del 2024

Con una  premessa:  Carteinregola si oppone alle Olimpiadi  fin dalla candidatura “Roma 2020″ di  Alemanno e Berlusconi. Non accetteremo nessuna strumentalizzazione della nostra battaglia per attaccare  la Giunta Marino. Giovedì…

Olimpiadi: l’ intervento esemplare di Riccardo Magi

Olimpiadi: l’ intervento esemplare di Riccardo MagiPubblichiamo  il comunicato del radicale Riccardo Magi, consigliere di Roma Capitale eletto nella lista civica Marino, che rispecchia completamente quello che Carteinregola  sostiene da tempo su Olimpiadi & grandi eventi,…

Panem et circenses

Panem et  circensesDue riflessioni sulla candidatura  della Capitale  alle Olimpiadi  2024. Mentre in Assemblea Capitolina si decide il pubblico interesse dell’operazione “Stadio Tor di Valle”. Il ragionamento corre sui giornali e nei…

Mentre… (cronache romane)

[aggiornamenti del 12 dicembre: è stata approvata la delibera del “regolamento concernente la determinazione del contributo straordinario di urbanizzazione”, la votazione delle  altre delibere è rimandata a martedì 16 dicembre.…

Dopo la vendita delle spiagge, il Ponte sullo Stretto e le Olimpiadi, torna il leitmotiv stadi & cemento

Consigliamo la lettura dell’articolo di Manlio Lilli Gli stadi come cavalli di Troia di un’urbanistica scriteriata, a cui premettiamo una nostra riflessione. Consigliamo inoltre la lettura del’articolo di Edoardo Salzano“Piani…

Troppe volte ritornano

Troppe volte ritornanoI progetti che comportano grandi investimenti  per la costruzione di infrastrutture (e cubature) rispuntano sempre tra squillare di trombe, mentre per quelli che potrebbero incidere  veramente sull’economia  della città e…

Olimpiadi a Roma: ci risiamo

Olimpiadi a Roma: ci risiamoNonostante la scia di sprechi,  di opere inutili  o incompiute  e di sconquassi economici lasciata dai Mondiali di  Calcio e di Nuoto [1] a Roma e  dalle Olimpiadi invernali di…

Share This Post